L’adolescente adottato

adolescenza

Abbiamo parlato dell’iter per diventare genitori adottivi, poi della depressione post adozione. Oggi vorrei “chiudere il cerchio” affrontando il tema dell’adolescenza nei ragazzi adottati. Come viene vissuta? Quali le differenze rispetto ad un coetaneo figlio di genitori naturali? 
L’adolescenza rappresenta un momento molto delicato nel processo evolutivo dell’individuo in quanto, oltre alle trasformazioni fisiche e sessuali, inizia il processo di separazione dalle figure autorevoli dell’infanzia. L’adolescente inizia così a conquistare la sua indipendenza e a liberarsi dall’ascendente che i genitori hanno su di lui. Inoltre dà inizio ad una costruzione attiva della propria identità, da un lato opponendosi ai dettami familiari, dall’altro moltiplicando le relazioni con il mondo esterno imitando gli atteggiamenti di altri adolescenti o di nuove figure di riferimento esterne alla famiglia.

La definizione dell’identità implica dunque che il passato venga rielaborato e connesso al presente per la costruzione del futuro. Ma per l’adolescente adottato il percorso di separazione psichica dai genitori adottivi può riproporre il dolore per l’abbandono vissuto. Consideriamo inoltre che tale separazione è duplice: non solo dai genitori adottivi ma anche da quelli naturali. Proprio nei confronti di questi ultimi, l’adolescente può provare dei sensi di colpa ma camuffarli con atteggiamenti aggressivi.

La separazione dai genitori naturali risulta ancora più difficile perché implica che ci si distacchi da qualcosa che non si conosce o che si conosce solo parzialmente. Proprio per questo motivo è abbastanza usuale che in adolescenza si palesi il desiderio di conoscere le proprie origini, di avere notizie sul proprio passato e sulla famiglia biologica. I genitori non devono stupirsi né allarmarsi per questo: non è in discussione la relazione adottiva, semplicemente l’adolescente cerca di conoscere ciò da cui sente doversi distaccare.

Da alcune ricerche effettuate su adolescenti adottati sono emersi degli aspetti interessanti.

  •  Pare che questi ragazzi investano i genitori adottivi di sentimenti positivi, idealizzandoli per proteggersi dal timore di sentirsi nuovamente rifiutati, e che fatichino a contrastare le regole familiari cui si adeguano eccessivamente. Di contro rivolgono verso la famiglia di origine i loro sentimenti negativi;
  • il desiderio di autonomia si manifesta spesso con molto ritardo proprio perché gli adolescenti adottati temono di dover affrontare un’altra separazione e di rivivere il dolore dell’abbandono;
  • nel ragazzo adottato la curiosità sul proprio passato può lasciare il posto al desiderio di dimenticare le esperienze negative vissute, al tentativo di negare una parte della propria vita considerata troppo dolorosa. I genitori adottivi desiderano sollevare il figlio dalla sofferenza ma in realtà dovrebbero aiutarlo a convivere con questa parte meno felice della sua vita. L’esperienza vissuta va impreziosita in modo l’adolescente maturi l’idea di non aver sofferto inutilmente.
  • l’adolescente adottato tende a ricercare rapporti esclusivi con l’amico/a del cuore, scelto dopo un’attenta selezione fra vari aspiranti. Pare essere piuttosto esigente nelle relazioni ma proprio per questo più facilmente esposto a possibili delusioni.
  • In alcuni adolescenti con vissuti di perdita non elaborati, la sessualità può essere a volte utilizzata per controllare la relazione con gli altri e difendersi da un possibile rischio di abbandono. Può quindi manifestarsi la necessità di sedurre, attirare l’attenzione dell’altro per poi abbandonarlo prima di essere abbandonati. E’ come se attraverso questo meccanismo di controllo e di imposizione di determinate regole nella relazione, l’adolescente trovasse così la sua vendetta.

Fonte: G. Fava Vizziello, A. Simonelli, Adozione e cambiamento, 2004 Bollati Boringhieri

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Adozione, Bambini e ragazzi, Essere genitori, Psicologia e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a L’adolescente adottato

  1. unatazzadicaffe ha detto:

    Si sa nulla di nuove ricerche in questo campo?

  2. Giulia ha detto:

    Io sono una ragazza adottata è il suo post mi ha aiutato molto, perché solitamente si parla solamente delle reazioni di contrasto precoce per “testare” la pazienza dei genitori, mentre invece mi ritrovo molto in queste parole. Mi ha rincuorata un po’ proprio perché ho 19 anni ma il desiderio di distacco dai miei genitori è sorta da pochissimo, inoltre è la prima a dirmi che è comune che ci si adegui eccessivamente alle regole familiari per paura dell’abbandono.
    Io non ho mai chiesto aiuto a nessuno un po’ per vergogna un po’ perché mio padre ha una visione troppo idealizzata di me e dell’immagine che dovremmo dare, ma vederlo scritto qui mi ha aiutato.

  3. Giulia ha detto:

    Grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...